Gi affari di Gomorra sbarcano all'estero

loading...



«A Napoli i turisti non chiedono più ai tassisti di portarli a visitare Castel dell'Ovo o piazza Plebiscito. Ma le Vele di Scampia». È quanto riferisce compiaciuta Maddalena Ravagli, soggettista di Gomorra, la serie tv che, con la sua violenta narrazione della Napoli più brutale, ha contribuito a rendere «turistico» il quartiere-simbolo della criminalità partenopea. Siamo alla terza stagione della serie tv che è il maggior successo internazionale della fiction italiana (dal 17 su Sky Atlantic HD, e il 14 e 15 i primi due episodi per la prima volta in oltre 300 sale cinematografiche italiane).Ma l'olimpica distanza dei suoi autori da possibili scrupoli sul rischio seduttivo, o emulativo, di quelle terribili quanto affascinanti immagini è se possibile – perfino aumentato. Il trionfo porta oggi Saviano (autore del romanzo originale) ad esultare come si fosse compiuta un'opera dai meriti sociali: «Ce l'abbiamo fatta! Ce lo sconsigliavano: Diffamate il territorio, ispirate i criminali. Ma noi abbiamo tenuto duro. Raccontando i meccanismi del potere abbiamo illuminato una ferita. Che è il modo migliore per aiutare a guarirla».Il nuovo racconto, che porterà i malavitosi ad allargare i propri affari anche all'estero, diventa così per Saviano «un modo per allargare lo sguardo a tutte le Scampie d'Europa. La sintassi del malaffare, infatti, è uguale ovunque».Sulla stessa linea auto-laudatoria il produttore Riccardo Tozzi («Una descrizione esatta del male ha effetti benefici, perché catartici. I racconti che rimuovono il male ne provocano in realtà la permanenza»), e la stessa Ravagli che arriva addirittura a definire Gomorra «un'operazione profondamente morale. Sono madre di cinque figli. E ho notato che per loro è importante conoscere a fondo tutte le cose, compreso il male». Sarà.In effetti, quanto a male, mentre già si prepara la quarta serie, la terza (diretta da Claudio Cupellini e Francesca Comencini) non farà rimpiangere le precedenti. I sopravvissuti alle faide culminate con l'assassinio di don Pietro Savastano dovranno trovare leccarsi le profonde ferite ed escogitare nuovi equilibri, arrivando a gestire il malaffare fino in Bulgaria. Ciro (Marco D'Amore) sarà annichilito dai sensi di colpa per aver eliminato anche Don Pietro, «e non apparirà più arrogante e sfrontato, ma dimesso e spento». Anche Genny (Salvatore Esposito) «continuerà la sua discesa agli inferi; anche in lui crescerà un devastante desiderio di morte». Sebbene in galera, la terribile Scianel (Cristina Donadio) «sarà come una iena in gabbia: sempre più terribile», e Patrizia (Cristiana Dell'Anni), dopo aver perso la famiglia, «sentirà risvegliarsi dentro il peggio di sé».I nuovi personaggi non saranno meno dominati dal male: Enzo detto «sangue blu» (Arturo Muselli, ora in disgrazia sognerà di tornare ai fasti criminali del passato; e Valerio, giovane-bene e studente universitario, proverà un'irresistibile attrazione verso il crimine, facendo di tutto per soddisfarla.



fonte

loading...
COMMENTA CON FACEBOOK

Be the first to comment on "Gi affari di Gomorra sbarcano all'estero"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: